Scherma, Europei Cadetti Novi Sad: oro per Serena Rossini nel fioretto

Serena Rossi - Foto Bizzi-Federscherma

Tre medaglie per l’Italia nella seconda giornata dei Campionati Europei Cadetti (Under 17) in corso a Novi Sad. Due arrivano dal fioretto femminile con l’oro di Serena Rossini e l’argento di Arianna Pappone, e la terza dalla spada maschile con il bronzo di Alessio Preziosi. In questo modo gli azzurri compensano in parte l’assenza di podi della giornata di ieri, con fioretto maschile e sciabola femminile.

Anche a livello giovanile, il fioretto femminile si conferma come il terreno di caccia preferito dalla scherma italiana: a fine giornata la meritata vittoria è di Serena Rossini, un talento purissimo capace di esprimersi oggi al massimo e lasciare le briciole a tutte quante le sue avversarie, estraendo dal cilindro due assalti pressoché perfetti in semifinale contro la tedesca Léonie Ebert, l’altra grande favorita della vigilia (15-5) e quindi nella finale contro Arianna Pappone, superata per 13-4 malgrado un lieve problema fisico a inizio assalto. Il podio è completato dalla romena Anca Saveanu, superata al minuto supplementare (11-10) da Pappone. Per Serena Rossini, fiorettista di Ancona classe 1999, questo titolo europeo Cadetti è il primo grande risultato in carriera, e vista la scherma messa in mostra oggi è facile pronosticare che non sarà l’ultimo.

Nella spada maschile Alessio Preziosi conquista la medaglia di bronzo. La medaglia d’oro va all’israeliano Stanislav Galper, che ha sconfitto in finale per 15-14 il russo Daniil Rudykh. Per il ravennate – terzo a pari merito con il polacco Wojciech Lubieiniecki – è decisiva la sconfitta in semifinale contro Galper (15-11) dopo quattro vittorie nel tabellone principale; fra i primi 20 della classifica finale si piazzano anche altri due azzurri, Marco Molluso e Luca Diliberto.

About the Author /

Nato a Milano il 13 gennaio 1986, pubblicista dal 2012. Storico per titoli universitari, archivista per professione, giornalista per passione. Al tennis sono legati i primi ricordi, con la scherma l'amore è sbocciato più tardi: ho seguito dal vivo l'Europeo di Montreux 2015 e alcune fra le tappe italiane di Coppa del Mondo di fioretto, sciabola e spada