Rio 2016, Giomi su Schwazer: “È sulla strada giusta”

Alex Schwazer - Foto Marco Togni CC BY-SA 3.0

Il presidente della Fidal, Alfio Giomi, ha parlato riferendosi al test che Alex Schwazer ha svolto, il 13 marzo scorso, sotto la supervisione dei tecnici della Federatletica dopo essere entrato negli ultimi due mesi di squalifica per doping. “Abbiamo semplicemente visto un allenamento di Schwazer sul percorso in cui si allena sempre e lo abbiamo valutato. I risultati sono quelli di un atleta che dimostra di essere sulla strada per tornare ad essere quello che ha vinto l’oro nel 2008”. Ottimi risultati in ottica Coppa del mondo di marcia, manifestazione che si terrà a Roma il 7 e 8 maggio e che vedrà l’altoatesino, oro a Pechino nella 50 chilometri, andare in cerca del pass per le Olimpiadi di Rio 2016. “Sarà la strada a dire se questa è anche la realtà – afferma Giomi a margine di un evento della Fidal al Foro Italico -, lo sarà per lui e per tutti gli altri nostri marciatori che quel giorno saranno schierati in campo e che si giocheranno il posto per l’Olimpiade. Siamo convinti che non ci sarà solo Schwazer da guardare ma anche dei giovani meno conosciuti al grande pubblico, ma che sono sulla strada per rinverdire la marcia italiana. A Schwazer diamo il giusto peso in relazione alle tantissime cose che facciamo e a tutti i successi aggiungerei anche il 20% di aumento dei tesserati rispetto al 2012”.

Riguardo il possibile malcontento degli altri atleti nei confronti di un possibile rientro di Schwazer nella squadra azzurra, Giomi sentenzia in questo modo: “In questo momento l’impegno più grande degli atleti italiani e’ prepararsi al meglio per Rio. Poi ognuno avrà i suoi sentimenti personali e appartengono alla sfera personale e privata che e’ giusto che ognuno abbia. Noi non abbiamo nessun ruolo in questo senso”.

Come partecipante alla Coppa del mondo di marcia a Roma ci sarà anche Giuseppe Fischetto, principale accusatore di Schwazer nel processo penale a Bolzano, nelle vesti di delegato antidoping della Iaaf: “Una coincidenza”, rimarca Giomi. “Nell’ambito della Iaaf – spiega ancora il numero uno della Federatletica – Fischetto continua a ricoprire il ruolo che aveva prima e in questa veste e’ stato più volte delegato antidoping della Iaaf. E’ comunque una persona seria, professionale e rispettosa di tutti. Quindi non credo che il fatto che ci sia lui possa avere alcun significato”.

Giomi si è espresso anche a riguardo di un’eventuale riabilitazione dell’atletica russa verso i prossimi Giochi di Rio 2016 a seguito dei ripetuti scandali di doping. “Sono contrario. Vedo quanto siamo attenti noi a tutto. Probabilmente in Russia, da quello che sappiamo e vediamo, non ci sono le condizioni per un loro rientro. Noi naturalmente non votiamo, pero’ ci sembra che francamente la strada da dover percorrere sia un pochino piuù lunga di quella che si pensa debba essere. Che il problema non fosse il doping nell’atletica – conclude – e’ il segreto di pulcinella e c’è chi ha fatto finta di non vederlo. Il doping e’ un problema universale che riguarda tutto lo sport. L’atletica ha il torto di averlo contrastato con più forza perché quanto fatto dall’atletica non lo hanno fatto tutti. Poi la Iaaf (del passato, ndr) ha tutte le sue colpe e non basta mai perché si può sempre fare meglio, ma l’atletica la sua parte l’ha fatta”.