Euro 2016, Francia-Portogallo: la storia sorride ai Bleus

Paul Pogba - Foto Nazionale Calcio CC BY 2.0

Allo Stade de France di Saint Denis, alle ore 21 di domenica 10 luglio, avrà luogo l’ultimo atto del campionato europeo di calcio. Protagoniste Francia e Portogallo autrici di due cammini gloriosi dalla fase a gironi alla finale che però avrebbero potuto essere ben più insidiosi per i padroni di casa e i lusitani. La Nazionale guidata da Didier Deschamps ha affrontato e battuto agli ottavi l’Irlanda per 2-1 mentre nessun problema ha incontrato ai quarti contro la sorpresa Islanda demolita per 5-2. L’unico ostacolo imponente è arrivato alla semifinale dove però grazie ad una doppietta di Griezmann, i transalpini hanno eliminato la Germania di Joachim Loew. Discorso simile per il Portogallo che prima di battere per 2-0 il Galles in semifinale non era mai riuscita a vincere nei 90′ né contro la Croazia (gara vinta ai supplementari per 1-0), né contro la Polonia dove gli uomini di Santos si sono qualificati solo al termine della lotteria dei calci di rigore. Una sfida che potrebbe aggiudicare anche il Pallone d’oro. Con Lionel Messi e Manuel Neuer fuori dai giochi, i favoriti assoluti sono indubbiamente Cristiano Ronaldo e Antoine Griezmann con il portoghese campione d’Europa in carica con il Real Madrid favorito.

Ma Portogallo-Francia non è solo una sfida dalla posta in palio altissima. I precedenti del confronto fra le due Nazionali regalano infatti uno scenario che accende la gara e scopre vecchie ruggini nonché una maledizione, quella di affrontare il padrone di casa che vede coinvolti i lusitani e al contrario una scia positiva dei francesi che hanno sempre vinto le competizioni ufficiali con la sede in Francia. Analizziamo quindi i precedenti della sfida che avrà luogo domenica. Ventiquattro i precedenti, contando anche le amichevoli: 17 vittorie dei francesi e solo 5 risultati positivi per la Selecao. Portogallo e Francia si sono incontrate solamente due volte in una fase finale di una competizione ufficiale. Entrambe si sono svolte in semifinale e concluse ai supplementari ed entrambe hanno visto trionfare la Francia. Ad Euro 1984, edizione svolta proprio in terra d’oltralpe, nella semifinale Francia-Portogallo, fu Michel Platini a far esplodere il pubblico di fede francese con un gol al 119′ che ha siglato il risultato sul 3-2 finale, la Francia vincerà poi quell’edizione tutta in tinte bleus in finale contro la Spagna. Euro 2000 fu l’Europeo del Golden Goal, la regola letale che aggiudicava la vittoria a chi segnasse per primo nei tempi supplementari, in caso di parità nei 90′. E a farne le spese furono sia il Portogallo con il rigore di Zinedine Zidane in semifinale, sia l’Italia caduta sotto il gol di David Trezeguet. La Francia, inoltre, ha trionfato in casa anche nel Mondiale di Francia 1998 in finale contro il Brasile senza contare la Confederations cup del 2003 che ha avuto luogo in Francia e ha visto alzare la coppa per la seconda volta consecutiva a Zidane e compagni. Una maledizione invece per i lusitani che, oltre ad aver perso nei due confronti con i Bleus, nel 2004 persero contro i padroni di casa della Grecia, la finale dell’Europeo. Quello ad oggi fu il miglior risultato nella storia della Nazionale portoghese. Cristiano Ronaldo e compagni cercano il riscatto e vogliono così mettere in bacheca il primo trofeo ufficiale della storia mentre gli uomini di Deschamps vogliono continuare sulla scia della tradizione, vincere in casa. La storia dice Francia quindi ma il campo è un’altra cosa. Le quote dei bookmakers vedono favoriti i transalpini, vincenti torneo a 1.45, mentre il Portogallo è quotato 2.90. Per quanto concerne altre quote relative alla finalissimo dell’Europeo, scopri di più su Unibet. Arbitro dell’incontro l’inglese Clattemburg.

About the Author /

Romano, nato in una calda estate del 1995 mentre la capitale iniziava a scoprire Francesco Totti e Alessandro Nesta. Cresciuto tra la terra e i sassi dei campetti della periferia romana e appassionato di scrittura. Ma tra il pallone e la penna ho scelto un compromesso: scrivere di calcio